La storia di Bitcoin (e delle criptovalute) è iniziata nell'agosto 2008, quando questo ragazzo misterioso (ragazza? Amico / i? Alieno?) Ha registrato il bitcoin.org dominio online. Il nome è nato: Bitcoin. Pochi mesi dopo, qualcuno soprannominato "Satoshi Nakamoto" ha pubblicato un white paper con il titolo "Bitcoin P2P e-cash paper" sulla mail list cypherpunk metzdowd.com.

E questo era: l'inizio della prima criptovaluta esistente. Non molti anni dopo, Bitcoin colpirebbe come un camion nell'attuale sistema finanziario, e persino alcune persone sembrerebbero reclamare il premio Nobel per l'economia per il suo creatore. Bello, ma ... chi è Satoshi Nakamoto?

Purtroppo, non abbiamo ancora quella risposta (e forse mai), ed è dubbio che qualcuno oltre a lui lo sappia e sia disposto a dircelo. Quindi è tutto qui? Titoli di coda? Beh, non proprio. Abbiamo ancora alcune cose da raccontare su di lui (loro?).

Quello che sappiamo di Satoshi

Se qualcosa è sicuro su di lui, questo è il fatto era un fervente cypherpunk (come la mail list che abbiamo menzionato sopra, sì). Tieni presente che questo non è la stessa cosa di "cyberpunk": un cyberpunk è un attivista che crede nell'uso della crittografia forte e tecnologie per il miglioramento della privacy come via per il cambiamento sociale e politico.

Immagine di James Osborne / Pixabay

Eric Hughes ha pubblicato un file Manifesto a riguardo nel 1993:

“Noi Cypherpunk ci dedichiamo alla creazione di sistemi anonimi. Difendiamo la nostra privacy con la crittografia, con sistemi di inoltro della posta anonimi, con firme digitali e con moneta elettronica. I Cypherpunks scrivono il codice. Sappiamo che qualcuno deve scrivere software per difendere la privacy, e poiché non possiamo ottenere la privacy se non lo facciamo tutti, lo scriveremo ”.

Naturalmente, questo è un ideale molto importante per Bitcoin e Satoshi Nakamoto, e quasi l'unica cosa che sappiamo con certezza su di lui. Il resto potrebbe essere vero o no perché sono dati che ha condiviso da lui stesso attraverso i suoi account online o semplici supposizioni:

  • È nato il 5 aprile 1975 in Giappone.
  • Secondo i primi sviluppatori che hanno lavorato con lui (online), le sue risposte di solito erano strani, elusivi ed esigenti.
  • Probabilmente ha lavorato in qualcos'altro, perché gli sviluppatori che lavoravano con lui nelle prime fasi di Bitcoin hanno sempre ricevuto risposte in ritardo.
  • Viene descritto come un "genio della programmazione".
  • Nonostante l'ultimo, non ha mai avuto un account GitHub (dove ora si trova il codice Bitcoin).
  • Ha nascosto questo messaggio (un titolo di giornale inglese) all'interno del blocco genesi Bitcoin: "The Times 03 / Jan / 2009 Cancelliere sull'orlo del secondo piano di salvataggio per le banche".
  • Il suddetto fattore, insieme al fatto che il suo inglese era perfetto e conteneva alcune maniere britanniche, ha portato alcune persone a credere che fosse davvero dal Regno Unito.
  • È scomparso da tutti i suoi account nel 2010, dopo aver ceduto il controllo di Bitcoin ad altri sviluppatori.
  • Da allora non ha mai toccato la sua enorme fortuna in BTC.

Principali sospetti di essere Satoshi

Come ci si potrebbe aspettare, molte persone e forse anche alcune entità statali hanno impiegato il loro tempo per cercare di capire chi fosse questa misteriosa personalità. Il risultato di queste ricerche è un gruppo di candidati sospettati di essere Satoshi Nakamoto stesso. Controlliamoli velocemente.

Dorian Nakamoto

È stato segnalato nel 2014 da Leah Mcgrath Goodman per Newsweek Magazine. È un ingegnere informatico e fisico giapponese-americano di 70 anni, che ha lavorato in passato con l'esercito americano e diverse società tecnologiche e finanziarie. Il suo nome di nascita è, infatti, Satoshi Nakamoto, ma ha negato di essere il creatore di Bitcoin.

Dorian Nakamoto. Immagine di Associated Press

Dal suo account nella P2P Foundation, il creatore di Bitcoin è apparso per la prima volta da anni solo per dire che non era Dorian Nakamoto. Curiosamente, la sua immagine è piaciuta alla comunità e ora il suo viso funziona sempre per rappresentare il Satoshi originale e creare molti meme.

Nick Szabo

Conosciuto come il padre dei contratti intelligenti (tuo Produttività agricola non sarebbe possibile senza di lui), è un informatico americano di 56 anni, crittografo e pioniere della valuta digitale. Il blogger Skye Grey, nel 2013, è stato il primo a segnalarlo utilizzando una Stilometria, che analizza lo stile individuale unico per la scrittura. Tuttavia, Gray non era l'ultimo.

A tale proposito e in risposta a una ricerca del 2014, lo stesso Szabo ha scritto: “Grazie per avermelo fatto sapere. Temo che tu abbia sbagliato a farmi diventare Satoshi, ma ci sono abituato ”.

Wei Dai

Ricordi quella mail list cypherpunk? Wei Dai ne faceva parte. È un cinese-americano di 44 anni ingegnere informatico, che ha creato il "b-money", il diretto predecessore di Bitcoin. Il suo lavoro, infatti, è citato nel white paper Bitcoin ed è stato contattato dallo stesso Satoshi.

Tuttavia, ha detto questo a riguardo: “… la mia comprensione è che il creatore di Bitcoin, che si chiama Satoshi Nakamoto, non ha nemmeno letto il mio articolo prima di reinventare lui stesso l'idea. Lo ha saputo in seguito e mi ha accreditato nel suo giornale. Quindi il mio legame con il progetto è piuttosto limitato ”.

Hal Finney

Hal Finney. Fonte: Necrologio indipendente

Era un notevole sviluppatore e cypherpunk, creatore del primo riutilizzabile Prova di lavoro (PoW) prima di Bitcoin e la persona che ha ricevuto la prima transazione Bitcoin, dallo stesso Satoshi. Era uno dei primi ad adottare e sviluppare la criptovaluta, quindi era solo una questione di tempo per lui essere sospettato come Satoshi Nakamoto.

Il primo a renderlo ufficiale con un'altra analisi stilometrica è stato Andy Greenberg di Forbes. Finney ha negato di essere Satoshi, e in seguito anche la società responsabile della Stilometria ha negato. Purtroppo, Finney è morto nell'agosto 2014 a 58 anni, a causa di complicazioni della SLA.

Craig Wright e Dave Kleiman

Wright è un informatico e uomo d'affari australiano di 50 anni, mentre Kleiman (il suo amico personale) era un esperto di informatica forense americano morto in circostanze tragiche nell'aprile 2013, a 46 anni. Secondo Wired, Gizmodo e lo stesso Wright, sono stati i creatori di Bitcoin con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

Craig Wright. Fonte: craigwright.net

Tuttavia, non è mai stato in grado di dimostrare tale affermazione, nonostante insista su di essa anche fino ad oggi. Quando i primi rapporti che lo indicavano sono apparsi nel 2015, l'indirizzo di posta ufficiale di Satoshi Nakamoto li ha inviati ultimo messaggio agli sviluppatori Bitcoin: “Non sono Craig Wright. Siamo tutti Satoshi ”.

Altri sospetti

Rapporti e teorie di diverse personalità e media hanno scelto altri diversi candidati:

  • Vili Lehdonvirta, una ricercatrice finlandese quarantenne presso l'Istituto di tecnologia dell'informazione di Helsinki; e il crittografo Michael Clear [Il New Yorker].
  • Shinichi Mochizuki, un matematico giapponese di 51 anni [Ted Nelson].
  • Ross Ulbricht, il famoso creatore di Silk Road, un mercato Darknet che lavorava con Bitcoin [NYT].
  • John Forbes Nash, Premio Nobel per le scienze economiche [Travis Patron].
  • Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, Tesla Inc. e Neuralink [Sahil Gupta].
  • Bram Cohen, fondatore del servizio P2P BitTorrent [Mark Essien]
  • Ian Grigg, crittografo finanziario e cypherpunk [Graham Smith]
  • Adam Back, un uomo d'affari britannico (e cypherpunk) che ha creato il sistema PoW Hashcash prima di Bitcoin ed è l'attuale CEO della società di criptovalute Blockstream, molto legato a Bitcoin Core [A malapena sociale].
  • Paul Le Roux, un ex programmatore dello Zimbabwe e mente criminale nel mondo della droga; ora in prigione [Cablata].
  • Yasutaka Nakamoto, presumibilmente un ingegnere e fratello di Dorian Nakamoto, che lavorava con il boss del cartello Pablo Escobar e scomparve alla vista del pubblico nel 1992 [CoinTelegraph].


Perché Satoshi è rimasto anonimo?

Foto di carrrot / Pixabay

Per prima cosa: Satoshi ha creato Bitcoin come software open source, fondamentalmente senza licenza. Era un cypherpunk, ergo, voleva fare qualcosa di veramente decentralizzato e non dipendente da un solo individuo, entità o azienda. Solo in questo modo, Bitcoin sarebbe davvero forte e quasi impossibile per i governi censurare o uccidere.

 Chiunque fosse, Satoshi Nakamoto era più interessato ai suoi ideali cypherpunk che a prendersi la fama e la fortuna solo per lui. Tuttavia, un altro motivo potrebbe essere la sua sicurezza personale. Le autorità, e i criminali, lo avrebbero perseguitato se lo sapessero, come abbiamo già visto in alcuni libri di narrativa e serie TV.

Un altro motivo sarebbe, ovviamente, il fatto che non può rivelare la sua identità perché non è abilitato a farlo, le conseguenze sarebbero terribili o non gli permetterebbe di avere un vantaggio reale. Forse è in prigione o è un fuggitivo? Forse è morto? Può essere essi sono un'organizzazione segreta o un'entità statale?

Non lo sappiamo. E forse è meglio così.

0
Author

Professionista della letteratura nel mondo delle criptovalute dal 2016. Scrittore, ricercatore e bitcoiner. Lavorare per un mondo migliore, con più decentralizzazione e caffè.

Write A Comment

it_ITItaliano