Per utilizzare le criptovalute, hai solo bisogno di un dispositivo intelligente e di Internet. Quindi, essere in un paese specifico non è esattamente un requisito né una limitazione, anche se le leggi non sono così amichevoli (le VPN esistono per qualcosa, dopotutto). Tuttavia, ci sono alcuni paesi con un numero elevato di utenti crittografici, a causa di questo o di un altro motivo.

Abbiamo già parlato di più paesi crypto-friendly, ma oh sorpresa: non sono i territori con la maggior parte degli utenti crittografici. In effetti, alcuni di questi ultimi non sono affatto compatibili con le criptovalute. In altri troverai un'ampia varietà di servizi correlati.

Prima di poter iniziare con l'elenco, la nostra metodologia è importante. Abbiamo controllato il file ultimo sondaggio su quanto sia comune la crittografia di Statista, il Indice globale di adozione di criptovalute (2020) di Chainalysis e il Bitcoin Mining Map dall'Università di Cambridge. Prendiamo in considerazione anche i dati di CoinMap (crypto-venues), Coin ATM Radar (crypto-ATM), BitNodes (Nodi Bitcoin), CryptoCompare (utilizzo fiat negli scambi) e Coin.Dance (Volume P2P).

Detto questo, andiamo!


5. Russia

Il paese eurasiatico non è esattamente classificato tra i più amichevoli nei confronti delle criptovalute. È più l'opposto. Gli utenti crittografici devono affrontare limitazioni rigorose, come non poter pagare beni e servizi con le criptovalute. Inoltre, funzionari governativi non sono ammessi possedere criptovalute; e le pene per elusione fiscale sono davvero costosi.

Russia-top-crypto-utenti
Mosca Foto di Oleg Shakurov da Pixabay

Chi direbbe che le criptovalute prospererebbero in un ambiente così ostile? Bene, questo è esattamente quello che sta succedendo. La Russia non è nella top 10 di Statista (questo è un sondaggio con risposte volontarie, però), ma è totalmente nel rapporto sull'adozione di Chainalysis. Quest'ultimo ha valutato quattro fattori importanti: valore ricevuto in catena, valore al dettaglio ricevuto in catena, numero di depositi in catena e volume degli scambi P2P. Si scopre che la Russia è al secondo posto, solo dopo l'Ucraina.

Inoltre, la Russia è al terzo posto per tasso di hash mining di Bitcoin e all'ottavo posto per nodi Bitcoin. È un posto carino (e freddo) per cripto-mining. Il volume scambiato settimanalmente per BTC rispetto al rublo (RUB) è di circa $27m negli scambi e $8.7m in volume P2P. Più, secondo un sondaggio condotto dalla società IDF Eurasia, almeno 10% dei russi con conti bancari vogliono investire in criptovaluta.

Sulle leggi, al di là di quanto già accennato, le criptovalute sono consentite, ad eccezione dei pagamenti. Le persone e le aziende che effettuano transazioni crittografiche che coinvolgono più di 600.000 RUB all'anno (circa $8.100), dovranno dichiararle per le tasse (da 13% a 15%). In caso contrario, comporterà multe tra 10% e 40%.

4. Nigeria

Il mese scorso, il Banca centrale della Nigeria ha preso una decisione drastica da vietare il trading di criptovaluta che coinvolge banche nazionali. Quindi, numerosi utenti nativi di criptovaluta hanno visto un'improvvisa chiusura dei loro conti bancari coinvolti in qualche modo con lo scambio di criptovaluta.

I migliori utenti crittografici della Nigeria
Immagine di Kaizenify / Wikimedia Commons

Le autorità non hanno chiarito la causa di ciò. Tuttavia, il motivo principale per farlo è probabilmente dovuto al fatto che le donne manifestanti dell'opposizione (il movimento #EndSARS) usano Bitcoin e altre criptovalute come finanziamento internazionale nel 2020. Dall'altra, letteralmente il senatore Sani Musa dichiarato che "Bitcoin ha reso la nostra valuta [la naira nigeriana] quasi inutile e priva di valore". Tuttavia, Bitcoin non ha nulla a che fare con la svalutazione 24% del naira lo scorso anno e con l'inflazione ancora dilagante.

Questo è forse il motivo per cui, lungi da fermare, i nigeriani sono utenti crittografici molto attivi. Il divieto ha solo reso il BTC più costoso: è salito oltre $86k al momento, e ora è di circa $66k per unità nelle borse nazionali (incluso P2P). Per Statista, la Nigeria ha il primo posto al mondo nell'adozione di criptovalute e per Chainalysis è l'ottavo. Il volume BTC / NGN era di circa $56m la scorsa settimana negli scambi e oltre $3m in P2P.

3. Cina

La Cina ha una storia di amore-odio con le criptovalute. Anni fa, quando le ICO e gli scambi sono stati consentiti nel paese (intorno al 2015), 80% di Bitcoin volume è stato scambiato dentro e fuori lo yuan cinese (CNY). Nessuna meraviglia ora questo territorio è ancora il leader indiscusso nel mining di Bitcoin, con oltre 65% del tasso di hash totale.

Cina-top-crypto-utenti
Foto di RABAUZ / Pixabay

Statista lo classifica al settimo posto per adozione, mentre Chainalysis lo classifica al quarto posto. È il nono per numero di nodi BTC. Ora, secondo CryptoCompare, il paese ha un volume BTC settimanale di oltre $2.3m negli scambi e oltre $1.5m in P2P. Tuttavia, come descritto da Chainalysis, "l'Asia orientale [e principalmente Cina e Giappone] è il più grande mercato di criptovalute del mondo, rappresentando 31% di tutte le criptovalute negoziate negli ultimi 12 mesi".

Le loro leggi, d'altra parte, non sono del tutto in sintonia con gli utenti crittografici. Dal 2017, Le ICO e gli scambi di criptovaluta sono banditi nel territorio. La criptovaluta è legale, però. E la sua solo tassabile se è considerato un investimento, da 3% a 45% top annuo. Inoltre, la Cina è tra i primi paesi a svilupparsi e rilascia la propria valuta digitale della Banca centrale nazionale (CBDC).

2. Germania

Forse hai sempre sentito parlare di Malta, Estonia o Giappone come paesi criptati amichevoli pieni di adozione, ma anche la Germania è un membro discreto di questa squadra. In effetti, è considerato un paradiso fiscale per le criptovalute. Ci sono tasse (da 0% a 45%) solo per investimenti a breve termine superiori a 600 €. Ma se un singolo investitore detiene criptovalute per oltre un anno, non ci sono tasse.

Adozione della criptovaluta in Germania
Foto di FelixMittermeier / Pixabay

Per Statista, la Germania è al nono posto di adozione, anche sopra il Giappone. Chainalysis non includeva esattamente il paese tra i primi dieci, ma, secondo la stessa azienda, la Germania fa parte del secondo mercato di criptovalute più grande al mondo (Europa settentrionale e occidentale). Questo paese è solo dietro il Regno Unito per valore ricevuto on-chain tra luglio 2019 e luglio 2020 (oltre $8b).

Solo in CoinMap, possiamo trovare oltre 600 sedi di tutti i tipi che accettano Bitcoin e criptovalute come pagamento in Germania. Ciò include ristoranti, alloggi, alimentari, vita notturna, acquisti, trasporti e servizi professionali nella maggior parte delle città. Oltre a ciò, l'Amazzonia mercato Shopinbit viene anche da questo paese; e possiamo trovare almeno 54 crypto-ATM su tutto il territorio.

Inoltre, la Germania è il terzo posto al mondo per nodi Bitcoin, solo perché il secondo posto sono i paesi non identificati. L'euro è la terza valuta fiat contro Volume Bitcoin negli scambi, con circa $6.7b in scambi settimanali e $2.3m in più settimanalmente negli scambi P2P. Infine, la Germania è l'ottavo posto per tasso di hash minerario Bitcoin.

1. Stati Uniti

Non tutti considererebbero gli Stati Uniti come i più amichevoli nei confronti delle criptovalute, ma la verità è che ci sono moltissimi utenti di criptovalute (individui e aziende) che fanno vita e denaro qui. Gli Stati Uniti sono all'ottavo posto per Statista e al sesto per Chainalysis.

Il Nord America è "la terza regione più attiva per volume di criptovaluta spostato in catena" per questa azienda. Sebbene, l'USD è ancora la prima valuta fiat in tutto il mondo contro il volume di Bitcoin negli scambi, con oltre $23.1b scambi settimanali. Sugli scambi P2P, la cifra settimanale è superiore a $28,6 milioni.

I migliori utenti crittografici degli Stati Uniti
Foto di Brandon Martinez / Pixabay

Dopo la Cina, gli Stati Uniti sono il secondo leader in Bitcoin mining e il primo nei nodi Bitcoin. CoinMap registra oltre 2.200 sedi che accettano criptovalute nella maggior parte delle città e in Coin ATM Radar possiamo trovare 14.126 sedi di cripto-ATM negli Stati Uniti

Più utenti crittografici negli Stati Uniti

Inoltre, secondo Crunchbase, ci sono almeno 953 società crittografiche con sede in questo paese. Tra questi, includiamo nomi come Ripple, Gemini, Stellar, BitGo, Bitwise, Blockstream, Circle, ConsenSys, Lightning Labs, Compound, Electric Coin Company (Zcash), Grayscale Investments, Ledger, MicroStrategy e Chainalysis stesso.

La regolamentazione delle criptovalute qui non è flessibile come in altri territori, ma non possiamo nemmeno dire che sia ostile. Il loro Internal Revenue Service (IRS) tassano la maggior parte delle criptovalute come proprietà e la Securities and Exchange Commission (SEC) è responsabile dei token considerati come titoli. Tuttavia, è ancora una polemica, come il Custodia Ripple ha provato. Le cripto-imprese necessitano di una licenza ufficiale per operaree le autorità stanno ancora lavorando sui regolamenti per le stablecoin.  

Le tasse? Si applicano solo se l'investitore decide di sbarazzarsi della criptovaluta e venderla per fiat con un reddito. Se lo fanno in il breve termine (meno di un anno), il tasso massimo sarebbe di circa 37%. Se lo fanno a lungo termine (più di un anno), il tasso massimo sarebbe di circa 20%. 


Vuoi scambiare Bitcoin e altri token? Puoi farlo in modo sicuro su Alfacash! E non dimenticare che stiamo parlando di questo e di molte altre cose sui nostri social media.

Twitter * Telegramma * Facebook * Instagram * Vkontakte


0
Author

Professionista della letteratura nel mondo delle criptovalute dal 2016. Scrittore, ricercatore e bitcoiner. Lavorare per un mondo migliore, con più decentralizzazione e caffè.

Write A Comment